Tech.Team

Microsoft Office OEM senza CD o DVD di installazione

Non è una novità ma non tutti lo sanno,
Microsoft non fornisce i supporti d’installazione per Office 2007 OEM. (cosa significa OEM?)

Microsoft fornisce (a pagamento) una copia dei CD/DVD ai rivenditori che preinstallano le copie sui computer che vendono.
Microsoft non fornisce assistenza diretta per i prodotti OEM,  l’assistenza è delegata all’installatore del prodotto OEM.

Come fa l’utente finale a reinstallarsi Office se il computer ha qualche problema ?

Conviene sempre farsi seguire da un professionista di fiducia ma se volete ripristinare la vostra copia di office in autonomia potete scaricarla da qui:   http://www.microsoft.com/office/backup/it-it/default.mspx

Read More

Cosa significa OEM?

OEM è un acronimo che significa Original Equipment Manufacturer e si riferisce in generale ai produttori di personal computer.

Acquisto di software preinstallato (OEM)
E’ decisamente il modo più economico, semplice e immediato di acquistare il software. Il software è pronto all’uso quando si accende il PC per la prima volta. Il supporto tecnico viene erogato dal fornitore dell’hardware.

Cos’è un software OEM?
La quasi totalità dei prodotti Microsoft è disponibile in versione OEM, ovvero il prodotto viene offerto all’utente finale già preinstallato sul PC. In questo modo l’utente finale, al momento dell’accensione del computer, trova il prodotto Microsoft (tipicamente il sistema operativo ed eventualmente un applicativo, es. Office) già funzionante, senza bisogno di alcuna operazione per l’installazione.
La caratteristica principale del software OEM è data dal fatto che il software viene concesso in licenza all’utente finale come parte integrante del PC sul quale viene installato.
“Parte integrante” significa che il software, una volta installato sul PC, perde in qualche modo la sua identità e diventa un’unica entità con il PC.
Questo vuol dire che :
- Il prodotto Microsoft in versione OEM “nasce e muore col PC” e non può quindi essere trasferito su un secondo PC.
- Qualora si necessita di assistenza sul prodotto software Microsoft, bisogna rivolgersi direttamente al rivenditore e/o produttore del PC.

Per ulteriori informazioni, visita il sito
http://www.microsoft.com/italy/licenze/soluzioni/altre/oem.mspx



Read More

Cambio password e-mail

La maggior parte dei fornitori di servizi e-mail mette a disposizione dell’utente finale la possibilità di effettuare il cambio della password di accesso alla propria casella  di posta, i passi da seguire sono i seguenti:

  • accedere alla casella di posta elettronica tramite l’interfaccia web
  • accedere alla sezione impostazioni dell’account
  • seguire la procedura per la modifica della password

Di seguito prendiamo un esempio dettagliandolo con i relativi passaggi:

Accedere alla posta elettronica via web tramite il servizio di webmail

Accedere alle Impostazioni in alto a destra della pagina

Selezionare la voce Account e cliccare su Impostazioni account

Nella nuova finestra che si apre, cliccare su Cambia password

Compilare i campi come richiesto e confermare con Cambia password

A questo punto la password è stata cambiata, al primo invio/ricezione sul programma che scarica la posta installato sul vostro Windows vi verrà richiesto di inserire la nuova password.

Read More

Cambio password dell’utente windows

Per la sicurezza dei dati, ogni computer dovrebbe permettere l’accesso ad ogni utente con delle credenziali personali e conosciute solo dallo stesso.

Con credenziali si intende un codice identificativo (di solito il nome utente) e una password, la password va cambiata spesso, ogni 3 o 6 mesi, ma come si procede per cambiare una password dell’utente di windows?

Di seguito i passaggi illustrati per guidarvi in questa operazione su Windows XP, su Windows Vista e Windows 7 (la procedura è identica per questi ultimi due).

Come prima cosa dovete fare  accesso a Windows con le vostre credenziali, cioè accendere il computer e inserire nome utente e password.

Una volta collegati dovete premere in sequenza i tasti della tastiera Crtl   Alt   Canc (tenendoli premuti uno dopo l’altro fino all’ultimo tasto)

vi troverete davanti a questa schermata, cliccate su Cambia password…

Inserire i dati inserendo PRIMA la password fino ad ora utilizzata (Vecchia password:)

e SUCCESSIVAMENTE per 2 volte la Nuova password e poi OK oppure “Freccia avanti

A questo punto la password è stata cambiata.

Read More

I codici a barre bidimensionali


TECH.TEAM Barcode2D

I codici a barre bidimensionali non sono una vera e propria novità; Il codice QR, per esempio, è nato nel 1994.

Il pieno sfruttamento delle capacità di memorizzazione e della facilità di lettura che caratterizzano questo tipo di codici, è stato reso possibile dalla nascita e dalla diffusione dei telefoni cellulari con fotocamera integrata.

Questo fenomeno  permette la possibilità di decodificare i codici 2D, previa installazione di un reader software, a tutti i possessori di un telefono con fotocamera, caratteristica, questa, ampiamente diffusa nei cellulari da qualche anno a questa parte.

Creare un codice a barre 2D

Creare un codice a barre 2D  è estremamente semplice, potete utilizzare Google (copiate ed incollate questo URL sulla barra dell’indirizzo del vostro browser) : http://chart.apis.google.com/chart?cht=qr&chs=545×545&chl=http://www.techteam.it

cambiando l’ultima parte (dopo chl= ) potete creare il codice a barre che preferite.

Leggere un codice a barre 2D

Per leggere un codice a barre 2D vi basta un telefono (abbastanza moderno) dotato di fotocamera e un software gratuito scaricabile da internet (che dovrete installare sul telefono)

A cosa può servire ?

Di possibili applicazioni ce ne sono tante ad esempio può servire a collegare in una comunicazione cartacea delle comunicazioni sul sito web

Torino ha usato i barcode 2 D di casa Microsoft per taggare le principali attrazioni turistiche: Microsoft Tag nelle principali attrazioni turistiche di Torino

Lufthansa lo usa per la gestione dei bagagli

Mobile World Congress apre una nuova era del mobile giving, la raccolta fondi per beneficienza tramite SMS inviati tramite barcode 2D

-

Questa chiaramente è solo un’introduzione senza pretese se volete approfondire l’argomento il sito che vi suggerisco è questo : http://sites.google.com/site/angelosand/home

Read More

Outlook express: e-mail rimane in posta in uscita

Seguendo clienti che usano Outlook Express ci è capitato più volte che una mail restasse in posta “in uscita”; la e-mail viene recapitata al destinatario più volte ma non passa in posta “inviata”.

analisi: Il problema è semplicemente dovuto al fatto che l’archivio della posta “inviata” ha raggiunto i 2GB e per il sistema non è possibile aggiungere la e-mail “in uscita” all’archivio della posta “inviata”.

soluzione: eliminare o archiviare parte o tutte le e-mail in posta inviata, riavviare outlook express.

(soluzione provata più volte con successo)

Read More

Tech.Team facebook fan page

da oggi le notizie su Tech.Team potete trovarle anche sul Facebook sulla nostra fan page.

TECH.TEAM Informatica su facebook


Read More

Impossibile salvare l’allegato .tif con outlook 2007

Scenario: Su un client con windows7 a dominio, in outlook 2007 è stata creata una cartella FAX per l’archiviazione dei fax di windows che vengono ricevuti come allegati alle mail in formato TIF.
Problema: Quando si prova ad aprire l’allegato compare il seguente messaggio:
Impossibile creare il file FAX.TIF. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella in cui si desidera creare il file, quindi scegliere proprietà dal menu di scelta rapida per controllare le autorizzazioni per la cartella.

Provando a fare un salva con nome, non permette il salvataggio in nessun percorso gli si imposti… controllati anche i permessi della cartella e il server exchange.

Analisi: http://support.microsoft.com/kb/817878

Soluzione : dal regedit leggere l’impostazione   HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\12.0\Outlook\Security

cancellare il contenuto della cartella relativa all’impostazione

(testata su 1 pc con il problema : esito OK)

Read More

Corso: L’analisi della redditività di impresa con Excel

Nuovo corso a Rovigo per analisi e controllo dei costi

ANALISI E CONTROLLO DEI COSTI e DELLA REDDITIVITA’ DI IMPRESA: CONCETTI E STRUMENTI

Contenuti
La finalità della contabilità analitica, le ricorrenti classificazioni dei costi. In particolare saranno affrontati i seguenti argomenti:

  • Le analisi della redditività dei prodotti e dei clienti
  • Analisi di convenienza economica
  • Contabilità analitica e le diverse categorie di costo;
  • Le metodologie di determinazione dei costi (full, direct e activity costing);
  • L’analisi costi-volumi-risultati;

Prerequisiti Conoscenza dei processi e funzioni aziendali. Conoscenza delle funzioni base di Excel.

APPLICAZIONE E FUNZIONI DI EXCEL PER L’ANALISI DELLA REDDITIVITA’ DI IMPRESA

Docente: Prof. Enrico Bracci Dr. Pierpaolo Correggioli


Contenuti
Esercitazioni guidate e risoluzione di casi concreti sulle applicazioni di excel® per il controllo di gestione: analisi della redditività dei prodotti/servizi e dei clienti, break-even analysis, analisi del costo di prodotto, decisioni make or buy, decisioni tra alternative. Come costruire basi dati aziendali, come importare dati, come esportare. Le tabelle pivot, i cubi Olap per la costruzione di report.

vedi i dettagli del corso a Rovigo

Read More

Gruppo di continuità (detto anche UPS, dall’Inglese Uninterruptible Power Supply)

L’U.P.S. (il gruppo di continuità) serve da supporto ad un apparecchio elettronico, tipo il Pc, si usa per mantenere costantemente alimentati elettricamente apparecchi elettrici.

UPS

UPS fronte

Applicato ai computer, nel momento in cui si manifesta uno sbalzo di tensione (sottotensione o sovratensione), l’ UPS interviene (nel giro di pochi millesimi di secondi) mantenendo costante ed invariato il flusso di corrente elettrica diretto al calcolatore;
in caso di blackout improvviso ma breve, garantisce per qualche minuto l’alimentazione evitando di perdere i documenti su cui state lavorando;
in caso di interruzione prolungata, fornisce il tempo necessario a salvare i dati su cui si sta lavorando, chiudere le applicazioni e spegnere il PC.

Si consiglia di proteggere con un UPS  il PC ma anche monitor ed apparati di rete.

UPS e Server
Nel caso dei server, soprattutto nei casi in cui il sistema è in funzione 24/24, è corretto che si spenga in automatico prima che il gruppo di continuità sia scarico.

Esistono gruppi di continuità interfacciabili che comunicano al server lo stato della batteria e della corrente, da cui si può programmare lo spegnimento preventivo automatico del server stesso .

Cosa potrebbe succedere se non hai l’UPS?

UPS retro

Nel migliore dei casi, la perdita del documento, applicazione, file su cui in quel determinato momento che si verifica l’interruzione (anche se impercettibile ai nostri sensi) si sta lavorando.
Nella peggiore delle ipotesi, il vostro computer subirà il danneggiamento dell’hard disk, della scheda madre o altri componenti hardware . In caso di rottura del disco fisso potrebbe essere impossibile il recupero dei dati .

Read More